Come guadagnare buoni sconto con i sondaggi

Ti basta registrarti sulla nostra app e partecipare ai sondaggi per guadagnare buoni Amazon ma anche Decathlon in totale autonomia. Tutte le info nell'articolo.

Come avere buoni sconto gratis per comprare tutto quello di cui puoi avere bisogno? Semplice: con Gimmelike, che non solo è un’app per partecipare a sondaggi online, ma ti permette anche di avere dei buoni regalo da utilizzare come meglio credi. Per esempio: per comprare dei libri, degli auricolari, attrezzature sportive o qualsiasicosa ti serva per la casa o per il lavoro.
E questo perché noi di Gimmelike teniamo tanto alle opinioni degli iscritti alla nostra app, i Gimmeliker, che vogliamo premiarli con quello che più piace loro. E guadagnare buoni sconto come quelli di Amazon ma anche Decathlon e Zalando  è a nostro avviso un’ottima reward, vale a dire ricompensa.
Vediamo in dettaglio come puoi ottenerli.

Come ottenere i buoni sconto

Per Gimmelike le opinioni delle persone contano, eccome! Ma non è solo un modo di dire: sappiamo quanto proporre un sondaggio a persone che sono in target – ossia potenzialmente interessate all’argomento di cui si parla – è fondamentale per la sua buona riuscita.

Ammettiamolo pure: spesso ti capita di dover partecipare a questionari di cui non ti importa molto o riguardo ai quali sai già, ancor prima di rispondere alle domande, che quell’argomento non è proprio nelle tue corde. Ecco perché ti aiutiamo a ottenere buoni sconto facendoti partecipare a sondaggi che per te siano piacevoli da compilare.

Come riusciamo a mandarti il sondaggio giusto al momento giusto? Grazie all’iscrizione che farai sull’app in cui ti chiediamo delle informazioni importanti: non solo sui tuoi dati anagrafici, ma anche riguardo ai tuoi interessi e a quello che più ti piace fare. Una volta che ci avrai risposto a queste info per noi preziose, quello che ti proporremo sono sondaggi in linea con quello che tu sei e quello che più ti piace.
E come premiare questo tuo condividere con noi i tuoi gusti, i tuoi interessi, le tue opinioni? Dandoti la possibilità di ricevere dei buoni sconto gratis.

Ricerche di mercato, lancio nuovi prodotti e consulenze strategiche

sondaggio clubhouse

Ecco come funziona Gimmelike: una volta che ti sei registrato all’app, ti basta andare a vedere se ci sono dei sondaggi per te o controllare le notifiche. Ogni volta che, infatti, ci sarà qualcosa di nuovo, noi ti avviseremo. Dopodiché non dovrai fare altro che cliccare sul sondaggio, leggere il titolo, rispondere alle domande e vedere quanti GimmeCoin hai guadagnato.

Richiedere i buoni sconto in autonomia

E già, con la nostra app la valuta di scambio non è l’euro, ma i GimmeCoin (abbreviati in GC): quando sarai arrivato/a a 3 GC potrai ottenere gratis il tuo coupon di 3 euro.
Ogni sondaggio ti dà in automatico da un minimo di 0,05 GimmeCoin fino a 1, dipende dal tipo di questionario. Quanto “vale” un sondaggio? Ovviamente lo saprai ancor prima di compilarlo: è infatti indicato in basso a sinistra e te lo ricorderemo anche a fine sondaggio.

Cosa succede quando arrivi a 3 GimmeCoin? Arriva il momento in cui puoi richiedere il buono sconto da 3 euro o aspettare di avere ottenuto più GimmeCoin – fino a un massimo di 10 – per ottenere gratis i rispettivi buoni. Per intenderci: 5 GC equivalgono a un buono Amazon, Zalando Decathlon da 5 euro e così via fino a 10.
Ma non finisce qui: per ora i buoni sconto riguardano Amazon, Zalando Decathlon, ma a breve potrai ricevere dei buoni per fare la spesa nei grandi supermercati: Gimmelike infatti offrirà sconti nella GDO.

buoni sconto zalando

E cosa devi fare per richiedere il buono sconto? Puoi muoverti in totale autonomia. Non dovrai infatti aspettare nessuna comunicazione da parte di Gimmelike, ma ti basterà andare nell’area coupon e cliccare su “Richiedi un nuovo coupon”.

Guadagnare buoni sconto tramite un’app non è mai stato così facile: sei infatti tu a scegliere il momento più adatto per ottenerli e di conseguenza spenderli nel momento in cui ne hai davvero bisogno. In questo modo, eviti anche di rischiare di accumularli senza spenderli, ma lo fai non appena hai una reale necessità.

Anche se, ricorda, i GimmeCoin da te guadagnati valgono fino a un anno da quando hai fatto richiesta, passati i 365 giorni non potrai più convertirli in buoni sconto.

La novità: non solo buoni sconto ma anche crediti Linx

Non solo buoni Amazon. Zalando e Decathlon, presto potrai decidere se riscuotere i GimmeCoin in crediti Linx. Cosa significa di fatto? Che potrai usufruire di tutte le possibilità offerte dalle aziende che partecipano al circuito Linx di economia circolare. Aziende che appartengono a settori merceologici differenti, che credono enormemente nel valore dello scambio e che ti offriranno i loro prodotti.
Così hai una doppia scelta: puntare sui grandi brand o sostenere l’economia circolare.
Un modo in più per ringraziarti di essere un Gimmeliker!

Ti piacerebbe conoscere le opinioni dei tuoi clienti? O scoprire persone potenzialmente interessate?

sondaggio mostre e cinema

Come il tuo negozio fisico può trarre vantaggio dall’online

L'esperienza di acquisto non finisce in negozio e se punti sui sondaggi puoi sfruttare al meglio l'online per conoscere i tuoi clienti. Ecco come puoi farlo con Gimmelike.

Se c’è una cosa che la pandemia ha fatto riscoprire un po’ a tutti è stata l’importanza degli acquisti online. Molte persone, durante i momenti più bui di quest’anno e mezzo, ma anche durante le varie zone rosse, hanno fatto sempre più ricorso agli e-commerce per acquistare beni di prima necessità e non solo.

E questo può far pensare che l’online sia andato e vada a scapito del negozio fisico. Invece non è affatto così: anzi bisogna ragionare in modo che offline e online non siano “rivali”, ma due “dimensioni” che rispondono alle esigenze dei clienti.

I quali infatti possono acquistare fisicamente e poi essere contattati successivamente tramite una newsletter o, viceversa, tramite una newsletter, un messaggio su whatsapp, il sito Internet ecc… possono scoprire certi prodotti ed essere incentivati ad andare in negozio dove ci sono le promozioni adatte a loro e ai loro gusti.
Vediamo dunque in questo articolo come i negozi fisici possono trarre vantaggio dall’online.

Gli Italiani continuano a preferire i negozi fisici

Innanzitutto, c’è da dire che non tutti preferiscono acquistare online, anzi. Nello scorso febbraio, proprio quando si era ancora nel clou della pandemia, noi di Gimmelike abbiamo realizzato un sondaggio dal titolo “Negozio fisico o e-commerce?” per capire come siano cambiate le abitudini d’acquisto degli Italiani in questi mesi.

E forse ti stupirà sapere che nonostante l’online sia cresciuto – a preferirlo il 35% di chi ha risposto, quando prima della pandemia era il 19% – i negozi di quartiere “tengono” e li preferisce il 43% degli intervistati. Il 22% invece ama fare shopping nei centri commerciali.

Il sondaggio fa riflettere dunque su come il negozio fisico, specie in un momento in cui si esce per passeggiare, prendere aria e godere della primavera, è ancora privilegiato. Ma questo non vuol dire che l’online sia da trascurare, ma può diventare un alleato importante.
Ecco come secondo noi di Gimmelike le due dimensioni possono coesistere, anzi avere un’influenza l’una sull’altra.

Il ‘customer journey’ inizia in negozio, ma può continuare online

Il customer journey, ossia il percorso che il cliente compie dal momento in cui viene a conoscenza del nostro prodotto o servizio fino a che ultima l’acquisto,  al giorno d’oggi, può essere piuttosto arzigogolato. Cosa significa?

Che magari il possibile cliente inizia con il cercare qualcosa su Google, vedere le risposte che il motore di ricerca dà e poi guardare sui vari e-commerce quali sono i costi, le modalità di spedizione e tutto il resto. Ma non è detto che la persona acquisti online in quel momento perché magari ci vuole pensare oppure vuole provare fisicamente quelle scarpe, vuole vederle e magari ha bisogno di indicazioni da parte di chi lavora in negozio.

Ecco perché dall’online il tuo ipotetico cliente potrebbe arrivare nel negozio fisico. O viversa potrebbe approdare nel tuo negozio perché si trova in giro o un amico qualche giorno prima gliel’ha consigliato. I motivi possono davvero svariati, quel che conta è cercare di sfruttare al meglio il momento in cui varca la soglia del negozio e si guarda attorno, prova delle cose e poi va via. Oppure acquista.

Se ovviamente ha comprato, il negoziante raggiunge il suo obiettivo, se invece tentenna si spera che ritorni. Ma anche se effettivamente l’acquisto viene concluso perché non puntare sul fidelizzare quella persona? E come farlo al meglio?

I sondaggi per conoscere le opinioni dei clienti

customer journey e sondaggi

Ecco che qui entrano in gioco i sondaggi che, tramite l’app di Gimmelike (disponibile per iOS e Android) sono il modo più immediato per conoscere i gusti dei propri clienti. Puoi proporre al tuo cliente un breve sondaggio prima che vada via.

E farlo in cambio di un reward, incentivo, che sarà il tuo modo per apprezzare il tempo che ti ha dedicato e tutte le informazioni che ha condiviso con te.

Il sondaggio che realizzeremo insieme avrà lo scopo di raccogliere dati personali come il nome, il numero di telefono e raccogliere un parere sull’esperienza d’acquisto invitando la persona a lasciare una recensione. Certo, se è negativa ovviamente non è il massimo, ma si tratta comunque di un feedback che, ricorda, è sempre un dono. Purché venga utilizzato bene.

I dati per migliorare la customer experience

Quello che infatti raccoglieremo con i sondaggi sarà oggetto di studio e ti aiuterà a migliorare davvero la tua customer experience, ma non solo.

Grazie all’analisi dei dati che Gimmelike farà per te potrai segmentare la tua clientela e così proporle offerte e promozioni in linea con i propri desideri e bisogni.

Che senso ha, per fare un esempio, inviare a una persona che ha sempre comprato da te abbigliamento sportivo, informazioni sulla tua linea più elegante? Così come che senso ha inviare sconti su telefoni Android quando nel tuo negozio quella persona ha sempre comprato iPhone e materiali Apple? Sarà più contenta di avere delle promozioni su questo, visto che è un po’ il suo mondo.

Utilizzare i dati per fare marketing nel modo giusto

Ma non solo: i dati ti permettono di capire chi è il tuo target o meglio le tue buyer personas.

In base ai risultati del sondaggio creerai il tuo pubblico di riferimento e in questo modo potrai attivare delle campagne di marketing che funzionano, utilizzare al meglio i social media e i contenuti online, così come migliorare il marketing cosiddetto offline.

Il negozio fisico, e come dunque riesci a rendere efficace l’esperienza, ti aiuterà a portare nuovi clienti e a migliorare il customer journey.

Vuoi saperne di più su Gimmelike?

sondaggio clubhouse

app per sondaggi a cosa serve

Cosa Gimmelike può fare per la tua azienda: dalle ricerche di mercato al co-marketing

Non solo ricerche in tempo reale, possiamo offrire alla tua azienda supporto per la promozione del brand, un database da tutta Italia e farti risparmiare tempo e denaro con la nostra app per sondaggi. Scopri come.

“I clienti, non i concorrenti, decidono chi vince la guerra”, dice Philip Kotler considerato uno dei guru del marketing di oggi. E nel modo attuale di fare marketing, proprio per dare ascolto a clienti acquisiti e/o prospect, un grande aiuto può arrivare dalle ricerche di mercato in tempo reale condotte tramite un’app.

Noi di GimmeLike ci crediamo così tanto che quell’app l’abbiamo creata, continuiamo a implementarla ed è grazie a essa che aiutiamo piccole, medie e grandi imprese, ma anche chi opera nel settore pubblico.

Perché conoscere l’opinione delle persone cui ci rivolgiamo o ci vorremmo rivolgere è fondamentale. Ma ancor di più lo è trovare il momento e il modo in cui le persone hanno voglia di rispondere.

Ecco cosa può fare GimmeLike per la tua azienda con la sua app per sondaggi.

Ricerche di mercato in tempo reale

Un’indagine di mercato è fondamentale per tantissimi motivi e riguarda qualsiasi azienda, indipendentemente dalle dimensioni, che vende un prodotto o servizio, ma anche che organizza eventi.

E questo perché da un lato c’è appunto quello che offri e dall’altro quello che le persone stanno cercando, o che non sanno di cercare ma che può aiutarle a soddisfare i loro bisogni e interessi. Una ricerca di mercato quindi può servire proprio a questo: a capire cosa vogliono le persone e in che modo.
GimmeLike va oltre il fare una ricerca di mercato tradizionale e basa la sua attività su due aspetti tra tutti: la certezza di ottenere risultati validi e l’ottenerli in modo immediato e oggettivo.

Cosa facciamo in GimmeLike?

sondaggio clubhouse

Come ottenere risultati validi e oggettivi

Fermiamoci sul primo punto: le persone non sempre rispondono ai sondaggi anche se sono ben fatti. E questo perché non hanno voglia di compilarli se sono cartacei o, se li ricevono via email, a volte se li dimenticano o più semplicemente si tratta di un’ulteriore attività da svolgere al computer. In questo periodo di smart working forzato, dove la gente vive la Zoom fatigue, ossia la fatica di stare sempre in call e davanti a uno schermo, questo può avvenire più spesso di quanto si creda.

Con GimmeLike è diverso: le persone si collegano all’app per sondaggi – disponibile sia per iOS che per Android – e rispondere è divertente e immediato. Possono farlo davanti alla TV o mentre stanno cucinando. O ancora se sono in coda al supermercato o in qualsiasi altro posto in cui devono attendere.

E in più guadagnano: GimmeLike paga chi partecipa ai sondaggi con i GimmeCoin.
E l’oggettività? Quella è garantita dai sondaggi ramificati: in base a ciò che l’utente risponde, potrà continuare il sondaggio o concluderlo. E avrà comunque ricevuto dei GimmeCoin aumentando il suo wallet.

Ma non finisce qui: i sondaggi che proponiamo sono oggettivi perché chiediamo ai nostri utenti, quando si registrano, di fornirci più informazioni possibili in modo da sottoporre loro solo questionari in linea con gli interessi.
Così chi risponde lo fa perché è oggettivamente coinvolto e non solo per hobby o per ottenere i GimmeCoin.

Questa è la differenza principale tra un’app per sondaggi come GimmeLike e le survey gratuite online. Che, peraltro, non è detto vengano proposte a un database profilato.

Analisi dei dati strutturata

Oltre a proporre sondaggi in tempo reale, quello che possiamo offrire è un’analisi dei dati strutturata.
Siamo infatti a tua disposizione sia per la compilazione del questionario in base alle tue esigenze che per condividerne con te l’andamento e analizzare i numeri che emergono dalle risposte. La ricerca di mercato da sola infatti serve fino a un certo punto, ecco perché, su richiesta, offriamo il nostro servizio di consulenza strategica per capire come utilizzare i dati.

Da non dimenticare che i nostri sono dati dinamici: grazie alla dashboard potrai vedere come sta andando il sondaggio, fare le prime considerazioni e capire quali sono i trend. Il tutto in tempo reale.

Utenti da tutta Italia e di tutte le generazioni

A chi sottoporremo i questionari? Abbiamo un database di oltre 20mila utenti, in continua crescita, che proviene da tutta Italia: per ogni sondaggio ti garantiamo risposte da Nord a Sud e viceversa.

In più, se vuoi, possiamo profilare il sondaggio per zone, regioni, città e permetterti così di avere delle risposte ancora più efficaci per il tuo business. E gli utenti di GimmeLike hanno un’età che va dai 18 anni fino ad arrivare agli over 60, con un picco tra chi appartiene ai Millennials e alla Generazione Z.

Sondaggi per la customer satisfaction e customer experience

Per chi, inoltre, vuole mettersi in gioco e farsi valutare dai propri clienti, un’app per sondaggi è l’ideale per la customer experience e la customer satisfaction.
Per tantissimi motivi: non solo l’immediatezza e la facilità con cui potranno rispondere alle domande, ma anche perché, direttamente dal loro smartphone, gli utenti potranno utilizzare eventuali codici sconto che puoi prevedere per ringraziarli. E questo aumenta le visite al tuo sito e non solo.

Un sondaggio del genere è molto più efficace di un’e-mail inviata per testare come l’utente si è trovato con il prodotto e servizio. Questo perché l’email rischia di perdersi o perché l’utente può iniziare a compilare il sondaggio e subito dopo essere distratto da qualcos’altro.

Con lo smartphone raramente succede. E, se l’utente dovesse ricevere una chiamata, poco male: entra nella nostra app per sondaggi e si ritorna al punto in cui si era.

Promuovere il tuo brand e rafforzare la brand awareness

Non ci limitiamo alle ricerche di mercato, ma grazie ad attività di co-marketing aiutiamo la tua azienda a farsi conoscere da un pubblico di oltre 20mila persone sul territorio nazionale. Con iniziative come codici sconto, DEM e tanto altro in modo da supportare la promozione del tuo brand.
E questo vale anche se la tua azienda è una startup. Il sondaggio è un ottimo modo per aumentare la brand awareness.

Lancio di nuovi prodotti

E se invece far conoscere una nuova linea di prodotti o servizi o sei nuovo sul mercato e vuoi testarlo?  GimmeLike ti aiuta anche in questo, analizzando dati in anteprima per capire come potrebbe essere percepita la tua innovazione e fornendoti strumenti di valutazione per modificare o migliorare la tua strategia.

Risparmio di tempo e denaro

Last but not least: l’esecuzione delle ricerche di mercato con i metodi tradizionali è molto costosa, in particolare per le piccole e medie imprese. Anche perché, come dicevamo, spesso si impiega tempo e denaro per creare i sondaggi, ma la gente non risponde.

Con i sistemi di ricerca abituali, la media delle risposte, nel migliore dei casi, è 1 o 2 su 10. Con la soluzione GimmeLike è 8 su 10.
Inoltre i nostri sondaggi sono veloci anche nell’erogazione: con i sistemi tradizionali, per un questionario a 2500 persone, sono necessarie dalle 4 alle 6 settimane. Con noi solo una settimana.

Che ne dici: è arrivato il momento di provare GimmeLike?

app per sondaggi

Come e perché utilizzare i sondaggi per coinvolgere clienti e prospect

Per analizzare la customer experience, aumentare la brand awareness, ma anche essere vicino ai clienti. A questo e tanto altro possono servire i sondaggi. Scopri tutto nell'articolo.

Conoscere i propri clienti e trovare il modo per coinvolgerli nel periodo attuale non è certo facile. È cambiato lo stile di vita, è cambiato il modo di lavorare, sono cambiate le abitudini di acquisto e, soprattutto, ciò che era valido magari un anno fa, non è detto lo sia ancora oggi.
Ecco perché per un’impresa, piccola, media o grande che sia, è fondamentale fare costamente ricerche di mercato. Questo per capire cosa desidera la propria clientela, come sono cambiati i suoi gusti e le sue esigenze, ma anche per analizzare i trend del momento e intercettare nuovi clienti.

I sondaggi sono un buon modo per effettuare delle indagini sul mercato e dovrebbero rientrare a pieno titolo in qualsiasi strategia di marketing. Iniziare una qualsiasi attività, infatti, senza sapere di cosa la gente può avere bisogno – sia in modo manifesto che latente – può essere controproducente. Anche se si pensa che l’idea sia davvero rivoluzionaria.

In questo articolo vedremo qual è il contributo che a tutto questo possono dare i sondaggi, come si inseriscono all’interno delle ricerche di mercato e quando farli.

Sondaggi e ricerche di mercato: cosa sono e come si collegano tra loro

Intanto bisogna dire che il sondaggio è una parte della ricerca di mercato. Questa, come fa intuire la parola stessa, è un’indagine dal carattere fortemente esplorativo. Si parte da un’idea o da un presupposto, che può essere confermato o smentito, per scoprire aspetti che magari non si conoscevano o non si pensavano possibili. Di conseguenza, una ricerca di mercato cambia a seconda dell’obiettivo che ci si propone ed è in linea, per l’appunto, con una strategia di marketing, da costruire o già costruita.

Esistono dunque ricerche di mercato qualitative e ricerche di mercato quantitative.
Le prime si basano sui contenuti, ossia sul reperire informazioni, commenti e pareri da parte di persone che si prestano a delle interviste, come per esempio quelle telefoniche, che fanno dei colloqui e così via. Si punta molto sul carpire più informazioni possibili ma va da sé che per fare delle ricerche di questo tipo bisogna non solo avere tempo, ma anche trovare persone disponibili a impiegare minuti, o ore, a rispondere alle domande. Oltre a prevedere un certo impiego di proprie risorse.

Le ricerche di mercato possono poi essere quantitative e, come fa capire la parola, puntare sui dati per arrivare a rappresentare, tramite questi, una realtà sulla base di un campione di persone. In questo senso, sono ricerche di mercato anche quelle con tool come Google Analytics, certamente, ma il modo più efficace per avere delle ricerche di tipo qualitativo e quantitativo insieme sono sicuramente i sondaggi.

Nei sondaggi, infatti, si ottengono numeri che aiutano a fotografare la situazione e a capire quali sono le tendenze, ma possono essere inserite anche delle domande a risposta aperta in cui le persone dicono la loro opinione.

Da un lato, dunque, si ha un approccio data driven, in cui il dato diventa centrale e può dare il via a una serie di considerazioni, dall’altro c’è la possibilità di interagire con la propria clientela acquisita o con potenziali lead per capirne i bisogni, le paure, le certezze, le opinioni e così via.
Il tutto. ovviamente. dipende dagli obiettivi che ci sono alla base di un sondaggio.

Vuoi conoscere come realizziamo i nostri sondaggi?

investimenti finanziari

Ecco come i sondaggi coinvolgono e valorizzano i clienti

A differenza dell’analisi sui comportamenti – come il caso di Google Analytics prima o come gli insight della pagina Facebook – un sondaggio ha dalla sua diversi vantaggi. Vediamo quali sono.

Rendono il brand più umano e le persone si sentono ascoltate

Decidere di sottoporre un sondaggio ai propri clienti può essere un modo per far sentire la vicinanza del brand. Il rapporto non si esaurisce con l’acquisto del prodotto o servizio, ma si chiede a chi ha comprato come sta andando, come ci si trova e magari un parere per migliorare.

L’azienda in questo modo fa sentire la sua voce e diventa più umana. E in un mondo cosiddetto human to human, in cui le persone scelgono le aziende anche per i loro valori e per i loro comportamenti, è evidente come il sondaggio aiuti a far crescere la brand awareness.

In più, dobbiamo considerare che un sondaggio profilato e personalizzato come quello che proponiamo noi di GimmeLike riesce a creare un rapporto ancora più diretto.

Chi risponde si sente valorizzato perchè ascoltato e sa che dall’altra parte qualcuno terrà in considerazione quanto detto. E in un mondo in cui a volte c’è un gran parlare e si ascolta poco, non è un aspetto da trascurare.

Un’app per sondaggi garantisce flessibilità, autonomia e libertà

In più, con noi di GimmeLike, tutto ciò avviene tramite uno degli strumenti più amati, se non il più amato, ossia lo smartphone.
Chi risponde non deve scaricare chissà quali documenti, non deve andare in nessuna pagina creata ad hoc, non deve stare ore e ore al telefono quando ha altro da fare. Può rispondere alle domande tramite un’app per sondaggi come GimmeLike da dove vuole e quando vuole: mentre sta guardando una serie TV, aspetta una telefonata, è sui mezzi o sta assistendo a una riunione noiosissima.

Sì, il tutto all’insegna della flessibilità e dell’autonomia. Senza dimenticare la “libertà”: con i sondaggi che raccolgono dati in forma anonima, le persone si sentono più propense a esprimersi, senza timore di essere giudicate. E questo ha anche un potere liberatorio.

I vantaggi per l’azienda

Lato azienda, ascoltare la voce diretta dei propri clienti o dei lead è un regalo, ammettiamolo. Perché vuol dire sapere davvero che quello che si sta facendo sta andando nella giusta direzione, così come può essere un suggerimento esplicito per cambiarla o modificare qualcosa.

I sondaggi, all’interno delle ricerche di mercato, dunque possono avere obiettivi più disparati.
Vediamone qualcuno.

Sondaggi per aumentare la brand awareness

Puoi decidere di creare un sondaggio per capire cosa la gente pensa del tuo brand, se lo conosce e se lo associa ai prodotti e ai servizi giusti. O se invece lo confonde con qualcos’altro.

E ancora: puoi usarli per capire qual è la tua posizione nel mercato rispetto ai competitor, perché lo trovano più o meno interessante rispetto alla concorrenza, per capire che emozioni suscita e così via. Così come un sondaggio può aiutare a capire se una volta lanciato un prodotto è percepito come parte del brand o meno.

È quanto noi di GimmeLike abbiamo fatto con il nostro cliente Yeppon: abbiamo realizzato un sondaggio per testare la brand awareness su nuove categorie di prodotti ed eventualmente farle conoscere a un target profilato. A tutte le persone che hanno risposto è stato dato un codice sconto in modo da poter testare subito i nuovi prodotti.

Sondaggio per la customer experience

sondaggi per coinvolgere clienti customer experience

Un sondaggio profilato può servire per conoscere il grado di soddisfazione di un cliente rispetto all’acquisto fatto. Può essere utile per capire se il customer journey, ossia il percorso che il cliente fa dal momento in cui entra in contatto con il brand fino a quando compra, è immediato o arzigogolato, se il cliente si sente a suo agio o deve fare fatica per avere quello che vuole.

Si può usare il sondaggio non solo dopo che l’acquisto è stato effettuato, ma anche in ottica di retargerting e remarketing, per capire perché un cliente ha abbandonato un carrello o perché ha cliccato su una pagina ed è andato via.

Il sondaggio può essere utile per capire l’efficacia della customer care e se le persone vengono ascoltate. E anche per capire se sono dei potenziali brand ambassador.

I sondaggi di GimmeLike prevedono un sistema di remunerazione per tutti coloro che partecipano. Si ottengono infatti i GimmeCoin e ogni volta che un utente arriva a 3 riceve un buono Amazon.

Sondaggio per lanciare un prodotto

Il sondaggio può essere efficace per coinvolgere i propri clienti sul lancio di un prodotto. Le persone amano dire la propria, adorano essere considerate e fa molto piacere vedere come le proprie indicazioni vengano tradotte in realtà.
Prima di lanciare un servizio o prodotto, pertanto, può essere una buona idea dialogare con i propri clienti per avere idee, spunti, suggerimenti e avere così l’occasione di mostrare la novità. Questo, infatti, permette di identificare pregi e difetti percepiti dagli utenti riguardo i prodotti dell’azienda, e i motivi per i quali acquisterebbe o meno.

Sondaggio per avere un feedback sui prodotti già esistenti

Un sondaggio può essere un ottimo strumento per avviare un’indagine anche su un prodotto già lanciato. Magari non funziona come ci si aspettava e in questo modo si può chiedere a un target profilato, non per forza già cliente ma con le caratteristiche adatte, di fare una valutazione, di dire cosa non va e cosa funziona.
Proporre un sondaggio di questo tipo tramite un’app può essere un buon modo affinché le persone si sentano davvero ingaggiate e possano dire la propria senza impiegare molto tempo. E divertendosi. In più il reward finale non è da trascurare.

Altri motivi per lanciare un sondaggio

Si possono proporre sondaggi per promuovere una startup o misurare il grado di soddisfazione all’interno di un’azienda, così come per capire qual è il pensiero delle persone in merito a un fatto di attualità come il revenge porn, alla situazione politica, ai servizi nelle proprie città.
O ancora per capire quali sono i segmenti di mercato scoperti o cosa potrebbe interessare una fascia della popolazione ben precisa.

Ricerche di mercato o sondaggi per la customer experience?

sondaggi per customer experience

L’importanza della profilazione e della community

Grazie alla profilazione che garantiamo noi di GimmeLike, potrai essere sicuro di proporre il questionario alle persone più adatte sia in termini di età, di provenienza e perfino d’interessi. E questa è già una grande differenza rispetto ai vari sondaggi che si possono fare con strumenti gratuiti o freemium come i vari Surveymonkey e così via.
Inoltre, hai la certezza che i nostri sondaggi arrivino a una community di persone reali, che al momento conta oltre 26mila persone, ma che è in continua crescita. Persone vere e da ogni parte d’Italia, che peraltro si riconoscono come parte di una community e infatti dialogano sulla nostra pagina Facebook.

Il tuo sondaggio, inoltre, se vorrai, può essere diffuso anche sulla nostra pagina LinkedIn per arrivare a persone diverse. O potrà diventare protagonista dei nostri post come case study.

Sondaggi data driven: perché sono importanti

In tutto questo, da non dimenticare è il ruolo dei dati. Una soluzione data driven, grazie ai numeri che si ottengono – reali e con oggettività di risultati – ti permette di prendere decisioni concrete e che possono influenzare notevolmente il proprio business.

I dati quindi non sono un fattore tecnico, ma diventano un pilastro, purché ben analizzati e inseriti nei vari contesti, per farsi guidare nelle scelte, per prendere delle decisioni informate, ponderate, frutto di analisi e non di percezioni.
Questo aiuta l’azienda ma aumenta anche il potere decisionale di capi e manager, migliorando anche il clima aziendale.

Concludendo: i sondaggi sono un ottimo modo per coinvolgere i clienti facendo il bene dell’azienda.